giovedì 20 ottobre 2016

Torta crumble di mele


Continuando sul tema....mele d'autunno......una torta buonissima e semplice semplice. Vista in rete ed è stata subito feeling. Poi vanno provate, si sa, ma questa è stata promossa!
La mia sarà una piccola raccolta di torte di mele, vi avverto.
Alla quale seguiranno pere, zucca, castagne.....forse uva. L'Autunno insomma, in tutte le sue declinazioni. Anche se di autunnale per ora ci sono giusto un pò di foglie, perchè almeno qui in Brianza, ci sono ancora giornate stranamente calde.....
Il crumble normalmente si usa sopra delle composte di frutta al forno, o sopra bicchierini dolci, come nota croccante e anche nella versione salata, sopra le verdure per esempio. Non l'avevo mai fatto in versione torta e devo dire che è molto comodo e goloso. Provate!

Ingredienti :

300g farina 00 ( io 200g 0, 100g farro))
100g zucchero di canna
100g burro ( io 50 burro, 30 olio)
50g nocciole tritate
1 uovo grande
1/2 bustina lievito
1pz di sale

4 mele
2 Cs zucchero
2 Cs di miele
50g pinoli
20g burro
1/2 cc cannella

Per prima cosa preparate il ripieno: pulite le mele e tagliuzzatele a pezzetti non troppo piccoli. Sciogliete il burro in una padella, unite zucchero e miele e, poi aggiungete le mele e fatele cuocere una decina di minuti.
Unite i pinoli e la cannella e spegnete il fuoco.
Mettete la farina con il lievito, le nocciole e lo zucchero in una ciotola capiente. Unite l'uovo e il burro a pezzetti a temp ambiente. Date una prima veloce mescolate poi strofinate tra le mani l'impasto per ottenere delle grosse briciole. Con circa metà del composto formate la base della torta in una teglia rivestita di carta da forno ( io ho usato cmq una teglia a cerniera): versate la metà dell'impasto e compattatelo con le dita come si fa per una cheesecake, lasciando il bordo appena più alto per accogliere il ripieno. Versate sopra le mele ormai tiepide e coprite il tutto con il resto dell'impasto lasciato a briciole grosse.
Infornate a 180° per mezz'ora circa, o comunque fino a che sia un pò dorata.
Lasciar raffreddare bene prima di toglierla dallo stampo.
Volendo servire con gelato o crema inglese.


lunedì 3 ottobre 2016

Torta di mele e caprino



Lunga pausa dal blog.
Lunghissima. Necessaria. Non posso credere che sia da dicembre....e invece si!
Ma ora....rieccoci!!!!! 
Bon, ripartiamo senza altre chiacchiere, che ne dite?


Festeggiamo l'arrivo dell'autunno.....con le foglie di colori stupendi che svolazzano in giro......con una torta favolosa! Una torta di mele, perchè no? Profumo di casa, di coccole, di calore...
Confesso....ricetta vista in tv dello chef Sergio Barzetti. Un pò più di ingredienti del solito, la torta di mele è buona anche con solo 4 ingredienti....ma questo impasto mi ha intrigato, e ho voluto provarlo. Tra l'altro è senza glutine, che può servire. Volete provarla? Io ieri l'ho fatta due volte.....:-)

Ingerdienti:
2 mele
2 uova
180g di caprino (o formaggio fresco leggero)
135g zucchero di canna
100g farina di farro
80g farina di mandorle
50g amido di mais o fecola di patate
90g di burro (ne ho messi 50+20 di olio)
6g di lievito per dolci
3 cucchiai di liquore tipo di Calvados ( ne ho usato un altro)
scorza di limone (omessa)
sale un pizzico

Cominciate con il battere i tuorli con il burro e lo zucchero fino da averli ben montati. Aggiungete la scorza del limone aiutandovi con le fruste, la farina di mandorle, il Calvados e a seguire la farina e la fecola. A questo punto unite il caprino e il lievito. Montate gli albumi a neve ferma e uniteli al composto, usando i primi due o tre cucchiai per stemperarlo un pò. 
Distribuite le mele sopra come più vi piace.
Infornate a 180° per circa 45/50 minuti.
A cottura ultimata ho spennellato con gelatina di mele.
Lo Chef suggerisce di usare questo impasto anche per altro tipo di frutta a scelta. Lo farò di sicuro, la torta è deliziosa!

Note personali
L'impasto sarà piuttosto consistente, non è facilissimo amalgamate gli albumi senza smontare il tutto.
( nella seconda torta sono partita a montare le uova intere, senza dividerle, ed è stato un pochino più facile). 
Ho usato sia caprino che robiola, ed erano entrambi buonissimi.
Diminuirei un pochino la farina di mandorle, senza cambiare le dosi delle altre, così sarebbe anche un pò più morbido l'impasto.


.


lunedì 28 dicembre 2015

I Panfortini...


Auguriiiiiiiiii
Auguri a tutti!!!!!!!


 Qualche ricettina per Capodanno visto che non sono arrivata in tempo per Natale!! Buoni buonissimi i Panfortini formato mignon......ho già postato tempo fa la ricetta di un Panforte che mi era piaciuta tantissimo (io adoro il panforte), eccola qui.. E ne avevo fatto anche una versione piccolina da regalare. Poi mi sono appassionata alla monoporzione, mi sembra che si gusti di più...non so perchè, in realtà non c'è nessun motivo, mi piace e basta.
Dopo che avrete fatto il Panforte fatta in casa, dubito che vi accontenterete di comprarlo, soprattutto quello industriale! E' semplice, veloce e buonissimo, a patto però di usare ingredienti di ottima qualità, come sempre del resto, ma in questo caso, se deciderete di acquistare i canditi, accertatevi che siano "veri", morbidi e saporiti. Non le bustine o scatolette varie pieni di quadratini gommosi che si trovano in giro, perchè il Panforte è fatto di canditi e mandorle, oltre al miele e devono essere buoni!.........Naturalmente potete anche farli se avete tempo, come ho fatto io, sia cedro che arancia.
Ho provato qui la versione di Giulia, del Panforte Tradizionale di Siena.

Ingredienti:
350g di mandorle
150g di cedro candito
150g di arancia candita
150g di zucchero
150g di miele millefiori,
150g di farina forte
10g di spezie per panforte ( io ho usato coriandolo, noce moscata e chiodi di garofano)
ostie se le trovate

Tagliate a quadratini la frutta candita e mettetela in una ciotola. Aggiungete la farina e le spezie.
A parte in un pentolino unite zucchero e miele e fatelo sciogliere, nel frattempo accendete il forno a 180 gradi e mettete le mandorle a tostare.
Quando la miscela di zucchero e miele sarà sciolta e ambrata, toglietela dal fuoco e versate nella pentola i canditi con il resto degli ingredienti e le mandorle. Mescolate bene per amalgamare il più possibile (sarà un impasto piuttosto duro) e poi versate nello stampo scelto dopo aver rivestito il fondo di ostie o almeno di carta da forno. Compattate e livellate la superficie con un cucchiaio umido.
Fate cuocere circa 25 minuti a 180 ma controllate che non colori troppo, altrimenti si indurirà troppo la superficie.
Sfornate e lasciate raffreddare ma non troppo prima di toglierlo dagli stampi. Se lascerete raffreddare troppo lo zucchero poi sarà difficilissimo farli uscire. Passate un coltello lungo tutto il bordo e rovesciate su un tagliere cosparso di zucchero al velo. Cospargeteli bene.
Si conservano molto tempo chiusi in un contenitore, ma non durano mai...!!
In una versione ho sostituito parte delle arance con fichi secchi: buonissimo anche così.

Post più vecchi